Area Gastronomica

Uno dei luoghi storici e tipici dell’Antica Fiera del Soco è in Area Oro accanto alla Mostra espositiva, ovvero quello delle Baracche, i grandi stand gastronomici allestiti anche per la prossima edizione con tante proposte della tradizione e ingredienti genuini per accontentare tutti i palati e tutti i gusti con le specialità del territorio.
I visitatori potranno scegliere fra sei proposte. Ci saranno le Baracche storiche, rappresentante da il Gruppo Volontario Parrocchiale di Grisignano e l’Unione Sportiva Poiana, che quest’anno ampliano il loro spazio con la disponibilità di più posti a sedere, e l’Associazione di Promozione Sociale Sa.Va 1979 di Sarmego, che sono associazioni di volontari che attraverso la loro presenza in Fiera sostengono le attività di tutto l’anno. Ritorna poi lo stand di Saordelmar che, dopo il grandissimo successo dello scorso anno, proporrà un’ampia gamma di ricette di pesce con un’attenzione speciale per gli ingredienti selezionati e la freschezza dei prodotti non trattati con alcun tipo di conservante e il loro fiore all’occhiello, ovvero la linea di prodotti pensati per celiaci e intolleranti al glutine; e ci saranno due novità: la “Baracca agli amici” di Campodoro e Bevadoro, e la Risotteria del Soco.
Fra le proposte gastronomiche degli stand si troveranno un’ampia scelta di primi, come lasagne, bigoli e gnocchi, grigliate di carne, la storica “trippa in brodo e sardeon” servita la mattina del Luni del Soco, il galletto locale, il pesce, il risotto, il capocollo di maiale al forno, la baguette con salsiccia e cipolla, gnocco fritto servito con salumi e formaggio e molti altri piatti prelibati. E questi sono solo alcuni esempi dei piatti che potrete gustare.Appuntamento allora alle Baracche dove oltre a soddisfare il palato sarete accolti e seguiti con cortesia e con un sorriso.

SAORDELMAR
Per il secondo anno consecutivo Saordelmar porta il profumo di mare all’interno della propria baracca nell’area oro. Dopo il successo dello scorso anno, confermato dalla presenza di circa 8000 persone a cena nell’arco della settimana, Saordelmar vuole rinnovare la propria presenza offrendo il meglio della propria produzione. L’azienda è specializzata nella lavorazione artigianale di piatti pronti confezionati a base di pesce selezionato, prodotti da conservare in frigorifero e da consumare nell’arco di trenta giorni circa.
Nel menù Saordelmar troverete il baccalà alla vicentina tradizionale e delle varianti che scoprirete, il fritto misto, la paella di mare, primi piatti a base dei migliori sughi di pesce, seppie in umido con polenta e altri piatti saporiti; inoltre ci saranno delle proposte giornaliere e per chi non ama il pesce delle valide alternative di carne e verdure. Il tutto sarà accompagnato da una selezione di buona birra e vino del territorio.
L’attenzione per la qualità e la genuinità dei prodotti è il fiore all’occhiello di Saordelmar, che seleziona scrupolosamente materie prime e fornitori per offrire solo prodotti freschi, riconosciuti col marchio CEE e certificati UNI EN ISO:22000.
Mauro Salvato, la moglie Giuseppina, la figlia Alessandra e tutta la squadra Saordelmar, con grande professionalità e cortesia coniugano ogni giorno il lavoro tradizionale all’innovazione, stando attenti ai cambiamenti del mercato e alle esigenze dei clienti per offrire una grande varietà di piatti con un occhio di riguardo anche al rapporto qualità/prezzo.

NOVITA’ 2016- RISOTTERIA DEL SOCO
Una delle novità dell’edizione 2016 in Area Oro, nello storico spazio dedicato ai grandi stand gastronomici è la Risotteria del Soco.
Nata dalla lunga collaborazione con Isola della Scala, già presente in passato a Grisignano nella Piazzetta dei Sapori, la baracca del riso utilizzerà il pregiato riso vialone nano, prodotto esclusivamente in territorio veronese e con marchio IGP, cucinato dagli chef di Risamore, la prima catena in franchising di risotterie, nata proprio da un gruppo di giovani isolani che per anni si sono occupati della Fiera del Riso e che hanno poi deciso di fare di questo pregiato alimento il centro della proprio proposta, non solo per farlo conoscere ed apprezzare, ma anche per diffonderne la cultura come alimento sano, nutriente e gustoso e per promuovere un piatto rigorosamente Made in Italy, anzi Made in Verona.
Presente nel Centro Commerciale Verona Uno (Galassia), a San Giovanni in Lupatoto, Milano Piazzetta Bossi, Berlino e a Cracovia, ma in fase di espansione in altre città, Risamore apre la sua “filiale” all’Antica Fiera del Soco per quasi una settimana, un gustoso assaggio del “tastes of Verona” come riportato nel sito.
Questo pregiato riso darà vita a piatti che si ispirano ad alcune eccellenze del territorio dei Colli Berici, dei Colli Euganei,  e del Delta del Po per sposarsi pienamente con i valori che da qualche anno Antica Fiera del Soco promuove attraverso il progetto di marketing territoriale del “Festival dei Colli”.
Si potranno così gustare quattro ricette ispirate a questi territori: il riso all’isolana, piatto clou della Fiera del Riso di Isola della Scala, il riso con la zucca per i Colli Berici, con salsiccia e funghi per i Colli Euganei e con il radicchio per il Delta del Po.
I piatti saranno accompagnati da vini dei Colli Berici ed Euganei e dalla Birra Antoniana Veneta, una speciale birra a chilometro zero, per un abbinamento piacevole e che attirerà gli amanti del mangiare e bere bene.

NOVITA’ 2016 – BARACCA AGLI AMICI: CAMPODORO E BEVADORO COMUNITA’ IN FESTA
Le comunità di Campodoro e Bevadoro, residenti del Comune di Campodoro un comune in provincia di Padova, piccolo nelle dimensioni, ma grande, grandissimo, nell’anima e nel cuore dei suoi abitanti, partecipano per la prima volta alla celebre Fiera del Soco. Il motivo di questa scelta coraggiosa è quello di coinvolgere numerosi ambiti della vita della comunità, dalla cultura, allo sport, dal mondo economico a quello istituzionale, passando ovviamente per il variegato e ricco tessuto dell’associazionismo locale: coniugati tutti insieme per rendere eccezionale l’azione del volontariato delle comunità stesse di cui fanno parte.
Questa fiera è anche un’opportunità da cogliere in un momento in cui c’è bisogno di relazioni: il particolare momento di difficoltà per il nostro paese tende a chiuderci anziché ad aprirci per considerare assieme quegli elementi di positività che ci sono e che ci aiuterebbero a guardare con più ottimismo al futuro delle nostre famiglie e della nostra comunità.
Il ricco menù proposto mira alla promozione del territorio, legando gli aspetti tradizionali della sagra paesana alle feste più inedite: il pasticcio di carne, lo stinco di maiale al forno, le costine di maiale e la tradizionale grigliata. I piatti forti sono la tagliata cucinata alla griglia rovente con patate fritte e la costata ai ferri. ECCEZIONALE il gnocco fritto servito con salumi e formaggio: chi ordina questo piatto avrà in omaggio il simpatico tagliere su cui viene servito al tavolo. Il tutto annaffiato da vino e birra.
Le attività commerciali aperte al pubblico valorizzano quotidianamente il nostro territorio e anche in questa occasione, ci sostengono e ci incitano, sul loro esempio, a crederci fino in fondo.

GAUCHITOS: CARNE ALLA GRIGLIA ARGENTINA
Ritorna all’Antica Fiera del Soco Gauchitos, la grigliata argentina viaggiante, che già da qualche anno è presente fra le proposte gastronomiche della fiera. Il titolare, Gabriel Carnaghi, di origine argentina e da sempre nel settore della ristorazione, ripropone le specialità della sue terra, ma quest’anno anche le tradizioni del suo paese.
Infatti, per l’edizione 2016 ci sarà tutta un’area dedicata allo splendido e variegato paese sudamericano, nello spazio localizzato prima dell’Area Oro e dopo il ponticello, sulla destra, arrivando da Via Garibaldi, con un vero e proprio ristorante, ma anche un palco/spazio per spettacoli di Tango con ballerini e ballerine argentini, dove poi anche i visitatori potranno lanciarsi nelle figure e nella passione di questo ballo struggente, conosciuto in tutto il mondo.
In questa area si avrà l’impressione di arrivare in sudamerica dove si potrà gustare la carne argentina di prima qualità, che si potrà anche vedere durante la suggestiva cottura di griglia a croce, in verticale, ma anche le empanadas, tipici “calzoncini” argentini ripieni di carne di bovino o di pollo molto gustose. Ma nell’area verranno proposti aperitivi, cocktail tipici, stuzzichini per andare incontro a tutti i gusti e a tutte le età.
Accanto alla qualità del prodotto, che viene solitamente servito con patate fritte o con insalata, si potrà “gustare” la simpatia, la cortesia e l’allegria tipica del paese sudamericano.
Non resta quindi che “partire” per l’Argentina e andare a trovare il signor Gabriel per gustare le eccellenze del suo paese e deliziarsi con la musica e la bravura dei ballerini di Tango.