Seleziona una pagina

A Grisignano la seconda edizione dell’evento promosso da Antica Fiera del Soco. Un convegno per fare il punto e tracciare le prospettive per la filiera del legno veneta; il simposio degli scultori; la raccolta fondi per l’Altopiano; shopping e divertimento per grandi e bambini.

Tutto è pronto a Grisignano di Zocco (VI) per la seconda edizione di Winter Soco Wood, manifestazione promossa da Antica Fiera del Soco srl, la società partecipata al 100% dal Comune grisignanese che ogni anno organizza in settembre la più antica e popolare Fiera del Veneto. «Lo scorso anno – spiega Marco Casarotto, amministratore unico di Antica Fiera del Soco srl – dopo la tempesta Vaia avevamo organizzato la prima edizione dell’evento sul legno, lanciando una raccolta fondi per sostenere la rinascita dell’Altopiano. Grazie ai riscontri positivi e ai contatti avviati, abbiamo deciso di rilanciare ed estendere l’iniziativa, chiamando a raccolta la filiera del legno veneto per renderla protagonista assoluta, valorizzando il “ponte ideale” che si è creato tra la pianura e l’Altopiano dei Sette Comuni». Proprio la Sala Consigliare del Municipio di Asiago ha ospitato la conferenza stampa ufficiale di presentazione dell’evento. A fare gli onori di casa il vicensindaco del Comune asiaghese Franco Sella, con il consigliere delegato a malghe e boschi Diego Rigoni; sono intervenuti anche il sindaco di Roana Elisabetta Magnabosco in rappresentanza dell’Unione dei Sette Comuni, il sindaco di Grisignano Stefano Lain, il presidente del Consorzio Legno Veneto Enzo Bozza, il responsabile di Coldiretti per Asiago Domenico Rasia e lo scuoltore del legno Marco Martalar.

Autorità del Comune di Asiago, del Comune di Grisignano e di Antica Fiera del Soco alla conferenza stampa di Asiago.

La manifestazione si aprirà venerdì 29 novembre alle 15 a Grisignano con l’inaugurazione del simposio artistico che in piazza Europa Unita riunirà nelle tre giornate dell’evento cinque scultori del legno provenienti dall’Altopiano (Fabrizio Muraro, Gianangelo Longhini, Ugo Carli, Manuel Ciudy Rossi e Marco Martalar) e cinque dalla pianura veneta (Giuseppe Artuso, Andrea Rettore, Renato Borsato, Enrico Ghiro, Matteo Schiavo). Durante il simposio Martalar proseguirà nella scultura del grande leone di San Marco alato che sta prendendo forma in queste settimane nella piazza di Rotzo, creando proprio a Grisignano le ali dell’opera: «Rimettiamo le ali al nostro leone: un simbolo di rinascita e rilancio sia per i boschi veneti colpiti da Vaia, sia per Venezia e la laguna colpita dall’alluvione», ha spiegato l’artista.  Alle 16 l’hotel Venice ospiterà invece il convegno “Per fare un tavolo ci vuole il legno… per fare il legno ci vuole l’albero”: il confronto tra associazioni di categoria, enti pubblici e operatori della filiera partirà dal ricordo del doloroso momento che ha travolto e stravolto il comparto del legno veneto nell’autunno 2018, la tempesta Vaia; quindi si proporranno spunti di riflessione su come utilizzare il legno, quanto sia importante adoperare materia prima prodotta in Veneto e come si può riconoscere il prodotto locale e di qualità, per arrivare infine a sottoscrivere un protocollo d’intesa in cui le varie parti in causa si impegneranno a valorizzare la filiera regionale.

Per tutte le giornate di Winter Soco Wood saranno attive le bancarelle del mercatino del legno e del mercatino natalizio, l’area coperta food&drink, la fattoria didattica e si potranno acquistare i tagliandi della sottoscrizione a premi il cui ricavato sarà devoluto all’Altopiano per sostenere gli interventi di ricostruzione post-Vaia. Inoltre nelle giornate di sabato e domenica i bambini potranno sperimentare gratuitamente il laboratorio di falegnameria di LegnoInsieme, i giocattoli in legno di una volta della ludoteca itinerante ZugàTolando e una fantastica pista di kart a pedali.